Quel genio di Einstein

| 2 commenti

Questo libro per bambini parla di Albert Einstein, della sua vita e delle sue scoperte. Ma parla anche di altro. Parla di chi sembra diverso, di un bambino che appariva stranamente silenzioso, contando che fino a quattro anni diceva poche, pochissime parole. Parla di genitori che seppero comunque amarlo, così, per quello che era. Ed era un genio! Parla di come non sempre i sogni che facciamo per il nostro futuro si realizzino facilmente, ma come con determinazione e passione tutto diventi possibile. Parla di come la fantasia di un bambino, coltivata nel suo cuore anche da adulto, abbia scoperto i misteri dell’universo. Insomma, racconta tante storie, tutte bellissime, su un uomo che ha dato tanto alla scienza e non solo… è sua questa meravigliosa riflessione, parole straordinariamente attuali…20150622_193728

“Non pretendiamo che le cose cambino, se facciamo sempre la stessa cosa. La crisi è la migliore benedizione che può arrivare a persone e Paesi, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dalle difficoltà nello stesso modo che il giorno nasce dalla notte oscura. E’ dalla crisi che nasce l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. Chi attribuisce alla crisi i propri insuccessi e disagi, inibisce il proprio talento e ha più rispetto dei problemi che delle soluzioni. La vera crisi è la crisi dell’incompetenza. La convenienza delle persone e dei Paesi è di trovare soluzioni e vie d’uscita. Senza crisi non ci sono sfide, e senza sfida la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non ci sono meriti. E’ dalla crisi che affiora il meglio di ciascuno, poiché senza crisi ogni vento è una carezza. Parlare della crisi significa promuoverla e non nominarla vuol dire esaltare il conformismo. Invece di ciò dobbiamo lavorare duro. Terminiamo definitivamente con l’ unica crisi che ci minaccia, cioè la tragedia di non voler lottare per superarla”20150622_193755

Albert Einstein 1955

20150622_193709

Quel genio di Einstein, J. Berne e V. Radunsky, Donzelli Editore

Con questo post partecipiamo al Venerdì del libro di Homemademamma.

2 commenti

  1. Certo, detto da Einstein e’ una garanzia e in effetti non ha tutti i torti, anche se forse sono riflessioni che è più facile fare a posteriori, che non quando stai affrontando davvero una grave crisi.
    Da che età dei bimbi lo consiglieresti? perché mi ispira molto!

    • Già, però in effetti vediamo anche oggi come molti ritengano che l’unico modo di uscire dalla crisi sia “ripensare il sistema”, se riuscissero ad imporre questo cambio di prospettive allora anche la crisi più nera sarebbe davvero una fortuna… del resto la scelta è tra rimanere così ed affondare o cambiare e costruire un domani migliore… la crisi potrebbe darci il coraggio di cui necessitiamo per cambiare… certo ci vorrebbero governanti più lungimiranti, e non ne vedo tanti in giro, nè in Italia nè fuori…
      Ma tornando al libro… Il mio Nanetto ha 6 anni e lo ha amato molto, per i più piccini forse è un po’ meno indicato…

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.