PICCOLI PASSI – Sulla strada giusta

| 7 commenti

Il libro Sulla strada giusta di Francesco Grandis inaugura una nuova rubrica dedicata a chi, con piccoli o grandi passi, ha deciso di cambiare la sua vita, scegliendo di costruire un futuro diverso…

Credo che poche persone oggi si sentano davvero “sulla strada giusta”, avvicinandomi agli anta sono in quella fase della vita in cui vedo molti fermarsi sul ciglio della strada e chiedersi: “Sono davvero dovrei avrei voluto essere?”.

Camminiamo tutti, verso dove pochi se lo chiedono, molte delle mete si dimostrano poi illusorie e fugaci fonti di felicità: un buono stipendio? Una bella macchina? Una carta di credito da poter strisciare da Prada? Ed alla fine la domanda è una sola “ma come diavolo sono finito qui?”. Ci finiamo come ci finisco sempre quando sono in macchina con l’Ingegnere. Quando magari siamo fermi nel traffico e vede un certo numero di macchine imboccare una strada vicina, lui si accoda. La sua teoria è che se tante persone vanno in una stessa direzione devono magari sapere qualcosa che noi ignoriamo (poco male se finiamo in un corteo nuziale o alla sagra della porchetta del comune vicino). Visto dove ci troviamo oggi come società, direi che forse abbiamo seguito le persone sbagliate. La soluzione in realtà è semplice, quanto radicale, c’è una sola domanda da porsi: “siamo felici?”. Se la risposta è no, allora la strada è un’altra. Decidere di imboccarla però è tutta un’altra storia. Difficile rinunciare alla sicurezza, a modelli di vita condivisi da tutti coloro che ci circondano, vincere la paura, abbandonare la strada maestra per inerpicarsi chissà dove. Chi lascia la via vecchia per la nuova…

Ebbene Francesco Grandis ha deciso di abbandonare proverbi e sentire comune per cercare La Strada, la sua strada giusta. Il suo libro è il diario di una illuminazione, della scelta di cercare la felicità, facendo il giro del mondo, sperimentando nuovi modelli lavorativi, condividendo e crescendo, e accogliendo, visto che la vita gli ha regalato (credo come premio per il suo impegno nello scegliere di vivere un’esistenza piena) anche un bel bimbo. Vi invito a leggere il suo bellissimo libro e a seguire il suo blog non come guardereste una cartina del Touring – perché non è detto che la sua strada sia anche la vostra -, ma riflettendo sulle domande che si pone e che hanno dato inizio al suo viaggio, perché quelle sì che sono di tutti. Ci stordiamo di suoni, rumori, impegni, solo per sfuggire a quell’unica, fatidica, domanda: “Sono davvero felice?”. Questo libro vi racconta una verità in cui credo molto: la felicità è di chi sa cercarla, costruirla, conquistarla.
Molti altri sono i pensieri di Francesco su cui riflettere e meditare, vi lascio con questo, che sembra davvero scritto per noi:

Forse il successo sarà stato allevare dei bambini che sono diventati degli adulti meravigliosi e con una vita più felice della nostra…

strada-grandis

L’immagine è presa da qui.

7 commenti

  1. Questo libro mi è nuovo ma mi fa pensare ad uno che ho letto di recente: Il Passo Perfetto. Il cammino di Santiago.

  2. Sembra un libro molto interessante..a me piacciono molto i libri che fanno riflettere! Grazie per il consiglio di lettura ^_^
    Baci, Cri

  3. Mmmm, sicuramente interessante. Io diffido dai libri che sembrano suggerire strade semplici per una felicità pre confezionata e standardizzata, però questo sembra tutt’altro.
    Mi hai incuriosita, perciò metto in lista!!

    • Credimi, anch’io, anche perché ogni vita è diversa e poi perché credo che la parola felicità debba andare a braccetto con responsabilità. Il libro di Francesco è molto profondo, alcune scelte forse ti lasceranno perplessa, ma la sincerità, l’entusiasmo e la tenacia che ha messo nella sua personale ricerca della felicità merita di essere letta… fammi sapere il tuo giudizio!

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.