Gemelli diversi… o meglio gemelle diverse!

| 0 commenti

Ho sempre avuto una sconfinata ammirazione per le mamme dei gemelli, specie da quando, dopo un “bel” cesareo programmato, capitai nella stanza accanto ad una mamma in travaglio in attesa di un parto gemellare. Da allora ho preso coscienza del fatto che al vertice della piramide evolutiva delle mamme, le mamme di gemelli occupano il vertice, nell’ambìto gradino sopra alle mamme senza aiuti non automunite. Ho sempre pensato che avere gemelli, specie se omozigoti, fosse difficile sia praticamente che emotivamente. Aiutare due personalità diverse, ospitate in corpi identici, a trovare la propria strada non deve essere facile. Allora care mamme vi consiglio questo libricino: Maia e Gaia, uguali e diverse.20160125_114124

È un libro double-faces, in cui una metà racconta ciò in cui le due sorelline si assomigliano (l’aspetto,  i vestiti, gli oggetti del loro mondo quotidiano) e l’altra invece ciò in cui invece differiscono (nei gusti, le abitudini e quant’altro), tutto ovviamente nella consapevolezza che l’abbraccio della mamma attende, sempre, entrambe.20160125_114133

Per completezza, io lo ho comprato per tutt’altro motivo…. La Piccola Peste si chiama infatti come una delle gemelline (vediamo se indovinate quale?). È già il secondo libro che trovo con il suo nome, e contando che lei, quasi treenne, lo immagina scritto ovunque, vi lascio immaginare di come sia contenta di ritrovarlo “anche” qui…

20160125_114210

20160125_114225

Sarebbe carino fare un censimento di bei libri con nomi propri, ce ne segnalate qualcuno? Eva ci aiuti?!

 

(L’immagine in evidenza è presa da qui)

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.