Il fazzoletto bianco

| 1 commento

“Il fazzoletto bianco” è una triste e bellissima storia di partenza e ritorno, di campagna e città, di agricoltura e tecnologia, di tradizioni e innovazioni, di speranza e delusione, di attaccamento alle proprie radici; è ambientata in Transilvania ma potrebbe essere tranquillamente una storia italiana o di qualsiasi altra parte del mondo. Quanti amici o conoscenti avete che si sono trasferiti a chissà quanti km di distanza per cercare nuove e migliori opportunità, o forse questa storia riguarda proprio voi…..in ogni caso vi consiglio di leggere questo libro, davvero commovente, intriso di nostalgia, dal finale a sorpresa che vi strapperà sicuramente un sorriso e qualche lacrimuccia!

Può essere utile anche per affrontare con i bambini l’attuale tema dell’immigrazione, per far capire loro (e per ricordarlo anche noi!) che le persone che elemosinano ai semafori o fuori dai negozi avevano una famiglia nel loro paese d’origine, sono arrivati nel nostro paese animati da grandi speranze che nella gran parte dei casi sono state purtroppo deluse.

20160330_075455        20160330_075449

Il fazzoletto bianco, V. Boldis, A. Toffolo, ed. Topipittori

Un commento

  1. Mmm, una proposta forte, non ancora adatta a mio figlio ma che prenderò in considerazione per me. Grazie!

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.