La riparazione del nonno

| 4 commenti

Diversi anni fa ho passato un periodo in cui mi ero appassionata tantissimo a Stefano Benni , leggevo solo suoi romanzi e raccolte, uno dopo l’altro.

E’ stato quindi un piacere quando, curiosando in biblioteca nel settore dei bambini, ho trovato un suo libro; non l’ho neanche aperto (l’autore e la casa editrice, Orecchio Acerbo, erano una garanzia sufficiente!) e l’ho preso in prestito. 20160331_073058A casa l’ho proposto ai bambini (non prima di averlo letto io però!) ai quali è piaciuto tanto ( vabbè, vorrei tralasciare che si sono sganasciati dalle risate nel punto in cui compaiono di seguito le parole Rutti, Mutandoni e Maiale…. sono maschi, per di più nell’età in cui solo a sentire parole del genere scoppiano in crisi di risa!)20160331_073209

Il racconto parla di un televisore molto particolare, un Telemaco 87 due pollici, con cui la famiglia si intrattiene tutte le sere davanti al camino. Cosa succederà però quando un fulmine entrato dal camino durante una terribile notte tempestosa colpirà in pieno il televisore? Bisognerà assolutamente ripararlo, ma certamente nulla sarà come prima.20160331_073228

E’ un racconto davvero esilarante, nel tipico stile di Benni: un’ironia sempre un po’ amara, un racconto impregnato di nostalgia, di calore, di tradizione. Le illustrazioni di Daniele Melani, in arte Spider, sono azzeccatissime e fanno da meravigliosa cornice. Lo consiglio a tutti, grandi e piccini (ma non troppo, diciamo dai 6 anni)!

P.s. come scritto anche sulla copertina del libro, il racconto è tratto dalla raccolta Bar Sport Duemila20160331_073253

La riparazione del nonno, S. Benni, ill. Spider, ed. Orecchio acerbo

4 commenti

  1. Non so una grande fan di Stefano Benni ed il ricciolino e’ ancora piccolo per questo libro, però le illustrazioni ed il tema mi hanno incuriosita!

  2. Io ammetto di non aver ancora letto nulla di suo.

    • Ha un suo stile, molto particolare, potrebbe non piacere. Però se vuoi comincia proprio da questo racconto, vedrai che lo apprezzerai!

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.