Due destini

| 1 commento

Pochi libri nel corso di questi anni mi hanno commossa; “Due destini”  è uno di questi. Contrappone  le vite di due persone, dalla gestazione nella pancia della mamma alla loro età adulta. Nati nello stesso giorno, stesse tappe e stessi traguardi ma raggiunti e vissuti in modo decisamente diverso, perché una è nata in Italia, l’altro in Africa. All’inizio, proprio nelle prime pagine, mi è sembrato un confronto un po’ banale e demagogico: mi ha ricordato quando ero a scuola e le suore rimproveravano i bambini che non finivano il pranzo esortandoli a pensare ai bambini dell’Africa che non hanno da mangiare.20161013_081828

Superata questa prima sensazione però ho scoperto un albo raffinato (soprattutto grazie alle magnifiche illustrazioni di S.M.L. Possentini) in cui l’autore con delicatezza e senza alcuna retorica racconta due vite per tanti versi simili ma molto diverse perchè vissute a differenti latitudini. Potrebbero essere due rette parallele e non incontrarsi mai ma la vita riserva sempre tante sorprese e così anche questa storia, che sul finale strapperà sicuramente qualche lacrima anche a voi!

Dalla quarta di copertina, di Erri De Luca

Due rette parallele non s’incontrano mai. Questa tristezza della geometria non si applica alla vita. Due vite parallele si possono incontrare e scambiarsi il soccorso, l’affetto, la salvezza.20161013_081903

Mi piacerebbe leggeste questo libro non solo perché merita di essere letto ma anche per raccontarmi cosa ne pensano i vostri figli: io l’ho letto ai miei, 6 e 8 anni, ma siamo arrivati a metà: non ho potuto finirlo perché la tristezza che li ha pervasi li ha turbati troppo e le lacrime scendevano in abbondanza. Voi come vi regolate in questi casi?

Questo libro è nato da una collaborazione con Medici con l’Africa; se volete potete trovare e acquistare il libro sul loro sito

20161013_081818

Due destini, R. di Renzo, ill. S.M.L. Possentini, Fatatrac, 2014

Un commento

  1. Capirai Fra, io un altro po’ mi commuovo pure leggendo Reginald e Tina! Ieri non sono riuscita a leggere la fine di Antoine de Saint-Exupéry in cerca del piccolo principe… sono un disastro…

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.