Il bagno di Abel

| 0 commenti

Inauguriamo oggi una nuova rubrica: section Jeunesse. Così si chiamano gli ampi spazi pieni di libri e tappeti colorati dedicati ai bambini nelle biblioteche francesi. Cercherò, con la mia solita proverbiale lentezza, di farvi conoscere alcuni bellissimi albi che non hanno (ancora) avuto la fortuna di essere tradotti in Italiano. Cominciamo allora con Le bain d’Abel di A. Poussier, che potete trovare anche in edizione economica nella collana Lutins de L’école des Loisirs.

Quando erano piccoli i miei bambini non volevano mai fare il bagno, ora che sono cresciuti è un problema farli uscire… capita quindi a proposito questo libro consigliato dalle biblioteche di Parigi dedicato ad Abel e al suo straodrinario bagnetto.

Eh sì perché Abel ama così tanto il suo bagnetto bello caldo con la schiuma e i giochini dentro, che quando la mamma fa defluire l’acqua dalla vasca decide di inseguirla, giù giù attraverso i tubi, le fognature, la stazione di depurazione, il ruscello, il fiumiciattolo, il fiume e il mare.

Lungo il suo viaggio incontrerà tanti amici, pronti ad accompagnarlo alla ricerca del suo Bon bain bien chaud, avec de la mousse et de jouets dedans.

Finchè il saggio pescatore rivelerà ad Abel che ormai il suo bagno si è mischiato con l’acqua del mare e che non potrà più trovarlo. Trovarlo no, ma rifarlo forse sì. Ecco allora che la comitiva lo riaccompagna verso case e, prima di salire e bussare, tutti si sporcano a dovere.

Così quando la mamma apre la porta di casa non può fare altro che portare il suo piccolino a fare una nuova, bella doccia!

Disegni classici, onomatopee e formule che si ripetono, un percorso che affascina il bambino raccontandogli il ciclo dell’acqua domestica, insomma un libro pieno di spunti adorato dai bambini amanti dei bagnetti!

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.